VAI AL CHECKOUT E SCEGLI DI PAGARE A RATE!

Versare una tisana rilassante efficacie fatta di erbe selezionate.

Tisane rilassanti efficaci: come sceglierle + 3 ricette

Quante volte hai cercato su Google delle ricette per realizzare tisane rilassanti efficaci? Ma soprattutto: quante volte hai invitato qualcuno a farsi una camomilla per invitarlo, tra le righe, a darsi una calmata?

Ecco.

Oggi, sul blog di TANHK, vogliamo condvidere con te alcune ricette naturali a base di erbe per regalare al tuo corpo un po’ di sano relax.

Come sempre, prima di introdurre nel proprio corpo dei principi attivi, mi raccomando: è opportuno consultare il proprio medico o l’erborista di fiducia.

Eh, già…“naturale” non è per forza sinonimo di innocuo:

  • le erbe contenute nelle tisane rilassanti possono dare origine ad effetti indesiderati in condizioni particolari, come la gravidanza o mentre si stanno assumendo farmaci sedativo-ipnotici o psicofarmaci (solo per citarne alcuni);
  • il loro consumo può scatenare reazioni allergiche, e nemmeno queste sono trascurabili.

Hai escluso entrambe le casistiche? Bene. Adesso non resta altro che affidarsi ad un erborista che, conoscendo il tuo dispendio energetico giornaliero e la tua massa corporea, saprà consigliarti le dosi e le erbe adatte alle tue necessità.

Per esser certi che siano adatte ad un uso di tipo alimentare, ti consigliamo di rifarti a rivenditori seri ed affidabili.

Insomma, una volta che ci si sarà messi l’anima in pace su eventuali effetti collaterali e rischi per la salute, gustare tisane rilassanti sarà un autentico piacere.

Esempi di tisane rilassanti efficaci, per dormire.

Erbe rilassanti per tisane: quando dormire la notte diventa più semplice

Le piante dotate di proprietà sedative adatte alla preparazione di tisane rilassanti efficaci sono diverse.

Ma quali sono quelle utilizzate più spesso?

Le erbe più popolari che vantano proprietà sedative e quindi che possono favorire il rilassamento e il sonno sono, senza dubbio, la camomilla, la valeriana, il biancospino, il tiglio e la melissa. Osservandole più da vicino.

Camomilla

La cara vecchia camomilla ha proprietà lenitive, calmanti e antispasmodiche.

Diversi studi scientifici hanno riscontrato una similitudine tra gli effetti dei flavonoidi in essa contenuti e le benzodiazepine. I suoi effetti, però, erano già stati ampiamente dimostrati dall’uso popolare: la camomilla – per cui spesso è riservato un posticino in ogni dispensa dello Stivale – ha aiutato intere generazioni ad affrontare notti più tranquille e ad avere una generale sensazione di calma.

Viene in soccorso anche in caso di coliche e spasmi e, a quanto pare, persino il bagno alla camomilla è consigliato per i suoi effetti distensivi!

Valeriana

Anche la valeriana forse ti suona familiare. Le sue proprietà sedative sono utili per contrastare manifestazioni ansiose e disturbi del sonno. Inoltre, viene spesso usata come alternativa fitoterapica per ridurre le terapie farmacologiche che combattono l’ansia e lo stress psicologico. 

Melissa, tiglio, biancospino e…

Vediamo anche le proprietà di altre 3 erbe con i poteri magici: 

  • la melissa ha un’azione calmante sia sulle attività dell’apparato gastrico che su quelle dell’apparato nervoso;
  • il tiglio ha un’azione specifica su insonnia, stati d’ansia e stress;
  • Il biancospino è considerato un ansiolitico naturale. Si rivela utile, infatti, anche in caso di palpitazioni cardiache dovute a stress e preoccupazioni. Proprio per questo può interferire con l’azione di farmaci che contrastano i problemi cardiaci.

Spesso tra le ricette delle tisane rilassanti efficaci troverai la menta piperita e i fiori d’arancio. Entrambi mitigano il sapore delle altre, rivelandosi ottimi correttori olfattivi. I secondi, ad ogni modo, favoriscono la distensione.

Tisane per dormire meglio: ecco 3 ricette

Come arricchire una tisana di sola camomilla con altre erbe calmanti?

Ecco qui una proposta:

  • Camomilla (capolini) 50 g;
  • Biancospino comune (fiori) 20 g;
  • Tiglio (fiori) 20 g;
  • Arancio amaro (fiori) 10 g.

Di questa miscela – che per quantità somiglia ad una piccola scorta – basterà un solo cucchiaio per preparare una tazza con la tecnica dell’infusione.

Versaci dell’acqua bollente e lasciala in infusione per qualche minuto. Filtrala e bevila quand’è ancora calda prima di coricarti.

Ricetta di tisana con: arancio amaro, tiglio, biancospino, camomilla.

Alla valeriana, invece, si può associare il luppolo. Anch’esso esercita un’azione tranquillante e rilassante.

La tisana che proponiamo adesso le contiene entrambe ed è molto utile per gli stati di agitazione difficoltà di addormentamento di origine nervosa:

  • Valeriana radice 40 g;
  • Luppolo coni 20 g;
  • Melissa foglie 15 g;
  • Menta foglie 15 g;
  • Arancio scorza 10 g.

Anche in questo caso, miscelando le suddette erbe nelle dosi indicate è possibile ottenere una piccola scorta di preparato per tisane.

Con la tecnica dell’infuso, versiamo dell’acqua bollente su un solo cucchiaio. I passaggi sono gli stessi precedentemente descritti.

La tisana andrà bevuta ancora calda al momento di coricarsi e potrà essere dolcificata se si desidera con il miele. Anch’esso ha un effetto calmante e rilassante, favorendo il sonno.

Ricetta di una tisana rilassante a base di valeriana.

Ecco qui di seguito la terza ricetta.

5 cucchiaini per 5 minuti: una tisana rilassante di tutto gusto

Ecco un altro esempio di tisana rilassante semplicissima da preparare. In questo caso l’unità di misura è di 1 cucchiaino:

  • melissa;
  • fiori di camomilla;
  • fiori e foglie di tiglio;
  • fiori di lavanda;
  • sommità fiorite di passiflora.

Una volta mescolati, basterà tenerli in infusione in ½ litro di acqua bollente per circa 5 minuti. Filtra tutto con un colino et…voilà!

Tisana rilassante a tutto gusto a base di melissa e fiori di camomilla.

Quando bere una tisana rilassante?

La assumiamo durante la giornata o la sera prima di andare a dormire. Non trattandosi di sonniferi non hanno un effetto immediato. Questa tisana – come le altre di cui sopra – è bene prenderla con un certo anticipo. Anche nel tardo pomeriggio

Certo, vanno considerati degli aspetti:

  • le proprie abitudini, quindi l’orario in cui ognuno è abituato ad andare a nanna o a fare la siesta;
  • le proprie problematiche: a che ora ti svegli durante la notte? Se puntualmente apri gli occhi in piena notte, verso le 3:00 o le 4:00, sarà il caso di prendere la tisana poco prima di andare a letto.

Dando un’occhiata al blog di TANHK, noterai che siamo dei veri e propri esploratori del mondo del sonno. Infatti, oltre a poter fornire un ottimo sostegno ortopedico, amiamo dare una visione del riposo a tutto tondo.

Con i tuoi commenti puoi aiutarci a migliorare i nostri articoli e proporci argomenti su cui vuoi saperne di più. Scrivici in Direct!

Il nostro blog
Siamo TANHK e produciamo materassi, ma non solo: vogliamo farti dormire bene a tutti i costi! Ecco perché condividiamo consigli e curiosità sul mondo del sonno: sfoglia, leggi e diventa sleep coach di te stesso/a!
Scopri tutti i vantaggi del materasso SELENE.
Giovanna Catanzaro

Mi sono laureata in Lingue Orientali perché l’Oriente mi incuriosiva. Poi ho vissuto in Spagna perché amo el baile flamenco. Dopo di che sono impazzita per il copywriting e per questo motivo mi trovi qui (tratto dallo pseudo romanzo “Se mi piaci ti studio”).

No Comments

Post A Comment

×

Buy now.

Pay in installements. Free of charge.

1
Validate your basket
2
Select the payment in installement
3
Fill in your card number
4
The first share is debited today. The following shares will be automatically debited every 30 days
×

Buy now.

Pay Later. Free of charge.

1
Validate your basket
2
Select the deferred payment
3
Fill in your card number
4
The payment will be debited later, depending on the deadline you have chosen
0
Il tuo carrello
  • No products in the cart.