VAI AL CHECKOUT E SCEGLI DI PAGARE A RATE!

Luci smart che ti aiutano a conciliare il sonno

Luci smart e ambienti: come aiutare il sonno o il risveglio

Le luci smart possono favorire il sonno o il risveglio? 

È quello che ci siamo chiesti noi di TANHK e la risposta è:

Sfruttando la tecnologia LED, le luci smart (ovvero le “luci intelligenti”) consentono di regolare la luminosità della stanza da letto e questo può aiutare a rilassarsi più facilmente al tramonto e a sentirsi più energici durante il giorno. 

Inoltre ti farà piacere sapere che, controllandole da remoto tramite app o assistenti vocali, ti permetteranno di evitare inutili sprechi: puoi spegnerle stando in ufficio!

In più, una lampadina smart consuma tra i 5.5 e i 9.5 W orari (rispetto ai 50-60 W delle lampadine a incandescenza). 

Adesso, però, viriamo verso il mondo dei sogni e capiamo come conferire ai propri ambienti delle colorazioni che siano in sintonia col ciclo sonno-veglia. 

Infatti, la domanda da porsi è: quali sono le luci colorate che influiscono sulla produzione di melatonina? 

Seguici nei prossimi paragrafi e lo scoprirai!

Luci smart: come nascono e come usarle

Come nascono le luci smart?

Per scoprirlo bisogna risalire all’Esposizione Internazionale sull’Elettronica di Consumo (CES) del 2015. In quell’occasione fu presentata la SleepCompanion Holi, una lampadina smart che si sincronizza con il ritmo biologico del corpo migliorando il sonno di chi lo utilizza.

Questa, ideata dalla NASA, serviva a migliorare la qualità del sonno degli astronauti a bordo della stazione spaziale

Inoltre, poteva fungere da sveglia: accendendosi gradualmente, emetteva una luce sempre più intensa, accompagnando il risveglio.

Così accade per molte luci smart presenti oggi sul mercato. La funzione chiamata “simulazione dell’alba” fa sì che la loro luminosità aumenti nel corso di 30-60 minuti in modo progressivo. 

Al di là delle funzioni specifiche di ogni lampadina smart, come si crea un’atmosfera rilassante o “energizzante”?

Per conciliare il sonno, regolare le luci smart dallo smartphone

Come sfruttare le luci smart e la temperatura di colore

Innanzitutto si può giocare con la temperatura di colore. Puoi passare, quindi, da una luce bianca fredda – adatta alle attività da svolgere durante il giorno – a una luce bianca calda al tramonto.

Misurata in gradi  Kelvin, la temperatura di colore è “la tonalità della luce emessa da una sorgente luminosa” (Wikipedia docet) per cui:

  • se la temperatura di colore delle lampadine è compresa tra i 3600 e i 6500 Kelvin, queste emetteranno una luce bianca fredda. Ha sfumature blu e azzurre che aiutano il risveglio;
  • se la temperatura di colore oscilla tra i 2700K e i 3500K, include tonalità tra il rosso, il giallo e l’arancione. Sarà, per questo, una luce bianca calda. Aiuta il corpo a rilassarsi e ad addormentarsi più facilmente a fine giornata.

Alcune luci smart, poi, ti permettono di scegliere tra una gamma piuttosto vasta di colori e tonalità. Una lampada LED RGB telecomandata può offrire fino a 16 milioni di miscele di colori.

 Anche se la risposta è già in parte spoilerata dalle precisazioni appena fatte, seguici nel prossimo paragrafo: scoprirai quali colori impostare per lasciarti andare tra le braccia di Morfeo

Le luci smart rosse facilitano il corpo a completare il ciclo del sonno.

Quando la luce rossa ti aiuta a dormire

Per addormentarsi “vince” la luce rossa. Ha una bassa temperatura di colore (inferiore alla normale luce solare) e può aiutare il tuo corpo a facilitare il ciclo del sonno, stimolando la produzione di melatonina. 

Al momento, gli unici dati certi sull’effetto delle luci colorate sui ritmi circadiani, li ho trovati sul sito de L’Istituto nazionale per la sicurezza e la salute sul lavoro (NIOSH)

Lì, una lista breve e chiara mette in relazione le luci colorate e i loro effetti sui ritmi circadiani: 

  • la luce blu ha l’impatto più forte sui ritmi circadiani (di qui la “guerra” all’uso spropositato di computer, televisori, cellulari…). Addormentarsi diventa difficile se si è stati esposti alla luce blu e alla luce bianca fredda durante il “periodo sensibile” (quando dovremmo iniziare a produrre melatonina); 
  • esporsi alla luce bianca durante il giorno può aumentare la vigilanza e  avere effetti positivi sull’umore;
  • una luce rossa fioca non ha alcun effetto sull’orologio biologico (e quindi sulla produzione di melatonina). Per questo, può essere usata di notte;
  • la luce gialla e la luce arancione hanno uno scarso effetto sui ritmi circadiani, quindi possono essere usati di notte, purché siano molto fioche.

Stando ad altre fonti anche la luce rosa rientrerebbe nell’ultima categoria. 

Ci sono poi alcune lampadine smart che, emanando la luce color ambra (rosso/arancione), sono le ideali per ricordare il tramonto. 

A cosa servono le luci smart?

Quindi, attivare luci rosse soffuse al tramonto può favorire il sonno. V’è poi la scelta di lasciarle accese per tutta la notte che può rivelarsi utile su più fronti:

  • orientando verso il bagno o la cucina senza sbattere mignoli o “scioccare” la vista. Nel caso di risvegli improvvisi durante la notte, infatti, è meglio esporre gli occhi alla luce rossa piuttosto che a quella verde o blu); 
  • per rilassarsi e addormentarsi in casi di ansia o stress;
  • in caso di nictofobia (fobia del buio);
  • in caso di insonnia: una luce fioca accesa può aiutare a sentirsi più a proprio agio;
  • per sentirsi più sicuri: dormendo con una luce accesa, può scacciare paure o pensieri spiacevoli.

Esistono, poi, lampade LED portatili che, oltre a offrire un’illuminazione morbida e diffusa, puoi spostare facilmente da una stanza all’altra. Sono utili per creare l’atmosfera da te preferita in diverse parti della casa.

Inoltre, le luci intelligenti possono avere diverse forme e dimensioni, a seconda delle esigenze dell’utente. Le trovi in diverse forme e alcune sono personalizzabili. 

Interessanti, anche, sono le strisce LED ricoperte da uno spesso strato di silicone che, proteggendole dall’acqua, le rende adatte persino all’immersione in acquario

Le relazioni tra colorazioni degli ambienti e sensazioni ci suonano familiari. Le avevamo esplorate, infatti, sondando la relazione tra il Feng shui e il dolce dormire. 

L’uso delle luci smart, infatti, rientra in un quadro più grande in cui le scelte dell’arredamento; poi il rumore bianco, la temperatura ideale per dormire e le tecniche efficaci per addormentarsi velocemente fanno il resto. 

Come avrai notato, il mondo del sonno è davvero grande. Sondalo sul blog di TANHK oppure vieni a trovarci su Instagram, dove condividiamo pillole che potrai raccontare alla prossima cena con amici!

Il nostro blog
Siamo TANHK e produciamo materassi, ma non solo: vogliamo farti dormire bene a tutti i costi! Ecco perché condividiamo consigli e curiosità sul mondo del sonno: sfoglia, leggi e diventa sleep coach di te stesso/a!
Scopri tutti i vantaggi del materasso SELENE.
Giovanna Catanzaro

Mi sono laureata in Lingue Orientali perché l’Oriente mi incuriosiva. Poi ho vissuto in Spagna perché amo el baile flamenco. Dopo di che sono impazzita per il copywriting e per questo motivo mi trovi qui (tratto dallo pseudo romanzo “Se mi piaci ti studio”).

No Comments

Post A Comment

×

Acquista ora.

Paga a rate. Gratuito.

1
Convalida il tuo carrello
2
seleziona pagamento rateale
3
Inserisci il numero della tua carta
4
La prima quota viene addebitata oggi. Le seguenti azioni verranno addebitate automaticamente ogni 30 giorni
×

Acquista ora.

Paga dopo. Gratuito.

1
Convalida il tuo carrello
2
seleziona pagamento differito
3
Inserisci il numero della tua carta
4
Il pagamento verrà addebitato successivamente, a seconda della scadenza che hai scelto
0
Il tuo carrello
  • No products in the cart.